in questo articolo parliamo di:

gran bretagna internet media radio tv giornali
Internet e media Forexchange
Sorprende che in Inghilterra gli internet bar siano ancora relativamente rari, soprattutto fuori dalle grandi città e dalle zone turistiche.

Accessi a internet

IN INGHILTERRA
La tariffa è di solito £1 l’ora, ma nei posti più isolati vi chiederanno anche £5 l’ora.
Le biblioteche pubbliche spesso offrono l’accesso gratuito a internet, ma solo per 30 minuti e probabilmente dovrete attendere prima di trovare un computer libero.
Se intendete collegarvi alla rete con il vostro portatile, considerate che un numero crescente di alberghi, ostelli, stazioni e caffetterie (persino alcuni treni) offrono l’accesso wi-fi gratuito o con una spesa fino a £5 l’ora.

Londra

  • Nella gran parte degli alberghi londinesi è disponibile la connessione wi-fi, ma in molti, in particolare quelli di alta categoria, il servizio è a pagamento.
  • Diversi alberghi e, in particolare, molti ostelli mettono un computer a disposizione degli ospiti.
  • Moltissimi caffè e ristorantini di catena offrono la connessione wi-fi gratuita ai propri clienti, fra cui Starbucks, Pret a Manger, ­McDonalds e Le Pain Quotidien.
  • La City è una grande zona ­wi-fi (consultate www.thecloud.net); l’utilizzo è gratuito soltanto per chi usa un iPhone.
  • Upper St, nel quartiere di ­Islington, è un ‘miglio tecnologico’ in cui l’accesso wi-fi è gratuito.
  • Anche le più importanti stazioni ferroviarie e i terminal aeroportuali dispongono di accesso wi-fi, ma il servizio può rivelarsi alquanto costoso.


IN GALLES
Se viaggiate in Galles con un computer portatile o un iPhone, non avrete alcun problema a connettervi alla rete. Oggi, infatti, molti alberghi di fascia alta, ma anche B&B di livello medio, consentono la connessione a internet in camera attraverso prese del tipo Rj-11 Ethernet o con la tecnologia wi-fi. Sono sempre più numerose le strutture in cui tale servizio è gratuito (a volte occorre usare una password).
Se nell’albergo in cui alloggiate il servizio è a pagamento, potrete usufruire del wi-fi nei ristoranti della catena McDonald’s, nelle caffetterie Starbucks e in qualunque posto collocato entro un raggio di 50 m dai telefoni a pagamento della compagnia BT (British Telecom) abilitati alla connessione a internet (li riconoscerete dall’insegna blu).
Cercate i locali attrezzati con il wi-fi consultando il sito www.jiwire.com.
Se invece non avete un computer portatile, i posti migliori dove controllare le e-mail e navigare in internet sono le biblioteche pubbliche; all’interno di queste, quasi ogni cittadina e villaggio ha almeno un paio di computer adibiti alla navigazione e il loro utilizzo è quasi sempre gratuito.
Nelle città esistono inoltre numerosi internet bar, che fanno pagare da £2 a £5 circa l’ora. Controllate sempre la tariffa minima: a volte non vale la pena di spendere tanto per rimanere collegati solo i 10 minuti necessari a controllare le e-mail.
Ricordate infine che i più importanti uffici turistici offrono la possibilità di collegarsi alla rete.

 

IN SCOZIA
Se viaggiate in Scozia con il vostro computer portatile avrete la possibilità di collegarvi alla rete tramite wi-fi quasi dappertutto, nei caffè, nei B&B e in molti spazi pubblici.
La connessione wi-fi è spesso gratuita: fanno eccezione gli alberghi di lusso, dove il servizio è a pagamento.
Per chi desidera navigare utilizzando il proprio telefono cellulare, sono ormai numerose le offerte dei vari gestori di telefonia mobile per l’attivazione di sim prepagate a tariffe piuttosto convenienti.
Se non avete un computer portatile, potrete controllare la vostra posta elettronica e navigare in internet nelle biblioteche pubbliche – quasi tutte dispongono di almeno un paio di computer con accesso a internet utilizzabili gratuitamente, benché spesso per un tempo limitato.
Nelle città di grandi e medie dimensioni ci sono anche internet bar, generalmente convenienti dal punto di vista delle tariffe (all’incirca da £2 a £3 l’ora).
I principali uffici turistici del paese mettono a disposizione del pubblico computer con accesso a internet.

Siti consigliati

  • BBC (www.bbc.co.uk) Notizie e intrattenimento dalla rete televisiva nazionale.
  • British Council (www.britishcouncil.org) Arte e cultura.
  • Enjoy England (www.enjoyengland.com, anche in italiano) Sito ufficiale del turismo in Inghilterra a cura dell’ente del turismo britannico.
  • Lonely Planet Italia (www.lonelyplanetitalia.it) Informazioni su paesi e città del globo; lettere, fotografie e opinioni inviate dai viaggiatori della Comunità Lonely Planet Italia.
  • Traveline (http://traveline.info) Utilissimo portale dei trasporti pubblici.


A LONDRA

  • Sistema centrale di prenotazioni YHA (0800 019 1700; www.yha.org.uk) Prenotazione di camere in ostello.
  • Visit London (www.visitlondon.com/it/) Sito web dell’ente turistico londinese, con un’ampia gamma di sistemazioni e offerte speciali.
  • LondonTown (7437 4370; www.londontown.com) Prenotazioni alberghiere e offerte speciali.
  • Londonist (www.londonist.com) Informazioni su Londra e tutto ciò che accade in città.
  • Transport for London (www.tfl.gov.uk) Strumento essenziale per muoversi in città.


A CARDIFF

  • Visit Cardiff (www.visitcardiff.com) Sito web ufficiale dell’ufficio del turismo di Cardiff.
  • Cardiff Council (www.cardiff.gov.uk) Offre informazioni utili a chi si sposta in bicicletta o con i mezzi pubblici, oltre a notizie sulle manifestazioni in programma.


A EDIMBURGO

  • Edinburgh & Lothians Tourist Board (www. edinburgh.org) Sito ufficiale dell’azienda di promozione turistica di Edimburgo, con elenchi di strutture ricettive, luoghi d’interesse, attività ed eventi.
  • Edinburgh Architecture (www.edinburgharchitecture.co.uk) Sito informativo dedicato all’architettura moderna della città.
  • Edinburgh Festival Guide (www.edinburghfestivals.co.uk) Qui troverete tutte le informazioni sui numerosi festival di Edimburgo.
  • Events Edinburgh (www.eventsedinburgh.org.uk) Guida ufficiale agli eventi a cura del comune.

Media

  • Giornali.
    Tra i tabloid segnaliamo Sun, Mirror e Daily Record (in Scozia); tra i formati normali (da destra a sinistra come orientamento politico) Telegraph, Times, Independent e Guardian.
  • TV.
    La BBC è famosa per i suoi notiziari e i documentari su temi storici e naturalistici. La programmazione della domenica sera è invece dominata dai film storici in costume. In generale, se i canali principali BBC1 e ITV prediligono programmi di alto profilo, BBC2 e Channel 4 tendono a produrre contenuti più sperimentali ed estremi. Entrambe le emittenti sono note per i documentari, ma Channel 4 ha una particolare preferenza per gli argomenti scioccanti.
  • Radio.
    Le principali stazioni BBC sono Radio 1 (98–99.6MHz FM), Radio 2 (88–92MHz FM), Radio 3 (90–92.2 MHz FM), Radio 4 (92–94.4MHz FM) e Radio 5Live (909 o 693 AM). Tra le stazioni commerciali nazionali segnaliamo Virgin Radio (1215Hz MW) e la popolare senza pretese intellettuali Classic FM (100–102MHz FM). Tutte sono disponibili in digitale.