in questo articolo parliamo di:

russia locali musica vita notturna bevande
Locali, intrattenimenti e vita notturna Forexchange
In passato per andare a bere qualcosa in Russia (soprattutto nelle città) si poteva contare su qualche bar o ryumochnaya, dove l’offerta si limitava agli ‘sto grammov’ (100 grammi) di vodka d’ordinanza e poco altro.

Oggi si può ancora andare in una ryumochnaya tradizionale, ma l’offerta di caffè, bar e birrerie è aumentata esponenzialmente, tanto che nei cocktail bar moscoviti, per esempio, il cocktail più servito è ormai il Mohito!
I russi si sono affrancati dalla dittatura della vodka (pur amandola ancora tantissimo) e hanno cominciato a spuntare i birrifici artigianali (birra si dice pivo in russo), tanto che ormai è la birra la bevanda alcolica più amata dai russi. La passione locale per le buone bevute non si confina tra i muri di un locale, tradizionale, malfamato o trendy: vi capiterà spesso di vedere gente che stappa bottiglie per strada (anche se è vietato nella metropolitana e nei pressi dei monumenti nazionali); nei ristoranti si può entrare anche solo per bere qualcosa, non è necessario consumare un pasto.
Per affrontare l’inverno russo ci vuole una bevanda calda, ed è bello sapere di non essere mai troppo lontani da una buona tazza di caffè appena tostato: nelle vie cittadine ci sarà sempre nelle vicinanze una Kofe Khaus o una Shokoladnitsa (diffusissime catene di caffetterie).
I russi adorano far festa e frequentano con piacere i tanti locali notturni e discoteche che negli ultimi anni sono spuntati come funghi nelle grandi città, soprattutto a Mosca, famosi per i ritmi frenetici e per l’uso molto russo della ‘selezione all’ingresso’: una consuetudine nata negli anni ‘90 quando i nuovi locali di lusso a uso e consumo della prima generazione dei nuovi ricchi tendevano a lasciare fuori chi non fosse ‘all’altezza’.
Per quanto riguarda l’intrattenimento classico, il balletto, la musica e il teatro sono sempre ad alti livelli a Mosca e San Pietroburgo. I programmi teatrali e concertistici sono esposti nei relativi teatri e nelle biglietterie e i biglietti di solito si possono acquistare direttamente presso le biglietterie il giorno stesso dello spettacolo. Fanno eccezione i due ‘templi’ del balletto e dell’opera, il Boshoi di Mosca e il Mariinsky a San Pietroburgo. Quasi tutti i teatri sono chiusi da fine giugno a inizio settembre. Oltre alle rappresentazioni classiche nei templi della cultura, potrà capitare di imbattersi in musicisti talentuosi nelle stazioni della metropolitana. La musica si respira ovunque.
San Pietroburgo propone un ricco calendario di appuntamenti con la musica classica, il balletto e l’opera lirica. La città vanta inoltre una lunga tradizione in qualità di centro della musica rock russa; in epoca sovietica la sua leggendaria scena underground ha generato band di grosso calibro, come gli Akvarium e i Kino, e anche molti gruppi contemporanei hanno mosso i loro primi passi in questa città. Anche il panorama della musica live è vitale e stimolante, grazie a un’ampia varietà di locali dedicati sia al mainstream sia – e soprattutto – all’underground.
Oltre alla musica rock, punk e pop, il jazz vanta grande popolarità a San Pietroburgo, che a tutt’oggi resta la piazza migliore del paese per sentirlo suonare dal vivo. Per una lista aggiornata dei locali e degli eventi in programma in città, consultate il St Petersburg Times.


Se vi piace...
...LA VODKA
Russky Standard e Stolichnaya sono due buone marche di vodka ampiamente diffuse. Al ristorante è molto raro che venga servita vodka di cattiva qualità, quindi non insospettitevi se non riconoscete il nome della marca (ne esistono diverse). Se però non vi viene servita fredda, rispeditela subito al mittente. Una volta il goccetto di vodka si beveva solo alla ryumochnaya, ma siccome era spesso un locale piuttosto tetro, tanti preferivano consumarla a casa di qualche amico.


...IL TEATRO, IL BALLETTO E L'OPERA
In Russia il teatro iniziò a fiorire sotto il patrocinio di Caterina la Grande, che amava molto questa forma di spettacolo, al punto da istituire l’Amministrazione del Teatro Imperiale e autorizzare la costruzione del Teatro Bolshoi di Mosca. In tutte le città di una certa dimensione si trovano alcune teatralnye kassy (biglietterie teatrali o chioschi), ma i biglietti possono essere acquistati senza l’applicazione di commissioni o di diritti di prevendita presso la kassa del teatro, che in genere è aperta dalle prime ore del pomeriggio fino all’inizio dello spettacolo serale.
Al di fuori delle città principali, i biglietti possono costare anche solo R100 e solamente gli spettacoli più famosi registrano il tutto esaurito, per cui in genere è possibile trovare posti liberi anche il giorno della rappresentazione. Al contrario, a Mosca e a San Pietroburgo la concorrenza è nettamente maggiore, al punto che alcuni teatri praticano prezzi diversi agli stranieri e spesso è consigliabile rivolgersi al concierge del proprio albergo per trovare i posti migliori (ma tenete presente che in questo modo finirete per pagarli molto più del loro valore effettivo). I biglietti degli spettacoli in programma al Bolshoi di Mosca e al Mariinsky di San Pietroburgo possono essere prenotati online, di gran lunga il modo migliore per assicurarsi il posto che si desidera.
Per gli eventi che si tengono a Mosca è possibile utilizzare anche i servizi online offerti dal sito www.parter.ru.
L’ultima spiaggia per chi non è riuscito a procurarsi i preziosi biglietti è rappresentata dai bagarini, spesso gente comune che cerca di arrotondare il proprio stipendio. Nella maggior parte dei casi si possono acquistare i biglietti fuori dall’ingresso principale della sede dello spettacolo poco prima dell’orario di inizio. Considerate che i biglietti non garantiscono un posto fisso e che si corre sempre il rischio di sedersi in un punto da cui non si vede niente. Prima di pagare, accertatevi che sul biglietto siano riportati la data, il titolo dello spettacolo e il settore al quale il biglietto si riferisce.