in questo articolo parliamo di:

ungheria shopping mercati
Shopping Forexchange
Fra i prodotti tradizionali contrassegnati dal marchio ungherese, chiamati Hungarica, ci sono sono tessuti ricamati, ceramiche, arazzi, giocattoli e scatole di legno dipinto, bambole, oggetti in vimini di ogni tipo e porcellane (soprattutto Herend e Zsolnay).

Prelibatezze altrove costose o difficili da reperire – come fegato d’oca (fresco o in scatola), funghi secchi, marmellata (specialmente di albicocche), insaccati come il salame Pick e la paprika in tutte le sue declinazioni – sono souvenir ideali (compatibilmente coi limiti d'importazione doganali).
Anche alcuni dei vini ungheresi più pregiati possono essere regali magnifici, come una bottiglia di Tokaji Aszú oppure la più alcolica acquavite alla frutta (pálinka). I libri e i CD, di cui c’è un’ampia scelta, sono venduti a prezzi vantaggiosi, soprattutto quelli di musica classica e popolare.
Kalocsa, città dell'Ungheria meridionale a 140 km da Budapest, è il regno della spezia principe della cucina ungherese, la paprika, a cui ha dedicato ben due musei e un festival (Giornate della Paprika di Kalocsa) a metà settembre: tra specialità alla paprika, manufatti artigianali e le innumerevoli qualità della spezia rossa, lo shopping è assicurato.
L'artigianato ungherese espressione della tradizione magiara è fatto di ricami raffinati, ceramiche, oggetti in legno dipinto come le famose uova pasquali e tessuti dai motivi tipici. Li troverete nei negozi di tutta l'Ungheria, ma molti vengono prodotti nella regione di Bereg nell'Ungheria nord-orientale, dove la vita è ancora legata all'agricoltura e i paesaggi sono rurali.
Budapest è una mecca per l’artigianato tradizionale e creativo, dal design d’avanguardia a vistosi copricapo all’ultimo grido. Accanto a giganteschi centri commerciali come il nuovo Vaci1 (www.vaci1.com) ci sono ancora i mercati tradizionali e accanto a una raffinata boutique di moda può capitare di trovare una bottega in cui si confezionano gli ombrelli come si faceva una volta.
Ci sono poi i mercati delle pulci di Budapest – come il famoso Ecseri Piac o il piccolo mercato che si tiene all’interno del Parco Municipale – per scovare oggetti introvabili e fare un'autentica esperienza di vita in città. I negozi di antiquariato sono soprattutto lungo V Falk Miksa utca a Pest e II Frankel Leó út a Buda. Lungo V Múzeum körút a Pest troverete una serie di librerie antiquarie e di volumi di seconda mano.
La centrale V Váci utca, dove gli affitti sono decisamente onerosi, è piena zeppa di boutique esclusive e di negozi di paccottiglia per turisti. VI Király utca si sta trasformando in un centro per gli articoli di design e i capi di abbigliamento più cari. Budapest sta infatti riconquistando il titolo di capitale del design dell’Europa centro-orientale. Chi si trova nella capitale durante la fiera del design WAMP (www.wamp.hu), che di solito si tiene in V Erzsébet tér, a Pest, o nella Casa del Millenario nel Parco del Millenario, a Buda, vedrà le ultime creazioni dei designer ungheresi emergenti.