Cina

Shopping

in questo articolo parliamo di:

cina shopping
Shopping Forexchange
Considerando la crescente ricchezza della Cina, non deve sorprendere che negli ultimi anni molti cinesi ormai imborghesiti abbiano sviluppato un'irrefrenabile passione per lo shopping, che contagerà inevitabilmente anche voi: non avrete che l'imbarazzo della scelta fra la miriade di luccicanti centri commerciali, mercatini, vie colme di negozi specializzati nello stesso genere merceologico, bancarelle improvvisate e venditori ambulanti.

La gamma di prodotti tradizionali e souvenir che richiameranno la vostra attenzione è immensa, e spazia dai ciondoli tibetani ai cimeli maoisti, includendo di tutto:

  • ceramiche di ogni forma, in particolare servizi da tè e da sakè (la porcellana di Jǐngdézhèn è la più nota);
  • rotoli e tagli di seta (la sericoltura in Cina era praticata già circa 4000 anni fa; il principale centro per la produzione di questo tessuto è storicamente la città di Sūzhōu), cachemire (il paese ne è il primo produttore mondiale) e capi tradizionali come i qípáo (i tipici abiti cinesi femminili dalla linea aderente e il collo alla coreana che diventarono di moda nella Shànghǎi degli anni ’20) di fattura sartoriale;
  • ricami;
  • opere di arte calligrafica e set con tutto il materiale necessario per praticarla;
  • ventagli in legno di sandalo;
  • aquiloni;
  • perle, giada e altre pietre preziose;
  • spade taichi;
  • sigilli su cui potete fare incidere il vostro nome (se volete, trascritto in caratteri cinesi);
  • strumenti musicali della tradizione cinese;
  • antiquariato e articoli d’epoca insoliti – per esempio le scarpettine che testimoniano l’usanza, protrattasi fino agli albori del XX secolo, di fasciare i piedi alle donne per mantenerli piccoli oppure i suggestivi manifesti-réclame della prima metà del XX secolo che pubblicizzarono con grande successo vari prodotti usando le immagini seducenti delle donne di Shànghǎi, raffigurate truccate e vestite con abiti eleganti, e con la sigaretta in bocca.


Nei mercati inoltre troverete borse, orologi, capi d’abbigliamento e altri articoli di grandi marche a prezzi stracciati: ricordate che la Cina è tra i principali produttori di merci contraffatte.
È prassi consolidata contrattare prima dell’acquisto, fuorché nei negozi dove è esplicitamente indicato che non è possibile farlo.
Scoprirete presto che la contrattazione in Cina è un’arte, e anche un gioco divertente in cui dovrete imparare a essere determinati ma cortesi: ricordate che il vostro obiettivo è quello di raggiungere un prezzo ragionevole e non di litigare con il venditore.
Cercate sempre di sorridere. Se non siete convinti del prezzo concordato, provate a fare finta di andare via: se c’è ancora un margine di trattativa, il vostro interlocutore potrebbe richiamarvi indietro. Inoltre, non seguite i consigli degli ‘esperti’ che assistono alla contrattazione (in genere sono amici del commerciante); tornate da soli più tardi e riprovate a ottenere il prezzo che ritenete adeguato.