in questo articolo parliamo di:

repubblica ceca automobili noleggio trasporti
Automobile e motocicletta Forexchange
La Repubblica Ceca ha una rete stradale di livello generalmente buono. Le principali autostrade sono la D5 (o E50) che collega Praga e Plzeň, la D1 (o E65) tra Praga e Brno e la D2 (o E65) tra Brno e Bratislava.

Per entrare in autostrada si deve esporre un adesivo che dimostri il pagamento del pedaggio (per una settimana/mese/anno 220/330/1000Kč), acquistabile nella maggior parte dei distributori di benzina e presso le associazioni automobilistiche in entrambi i paesi.
La multa per chi viaggia in autostrada senza esibire l’adesivo può arrivare fino a 5000Kč/€365. Le automobili a noleggio in genere dispongono già dell’adesivo.

Il traffico è intenso sulle autostrade e nei centri cittadini, mentre le strade di campagna sono generalmente meno battute, ma spesso seguono vecchi percorsi che prevedono curve a gomito improvvise e limiti di velocità ridotti in prossimità di villaggi e piccole cittadine.
L’eccesso di velocità e le mancate precedenze agli incroci con scarsa visibilità sono un problema per le strade ceche, per cui è consigliabile guidare con prudenza.


Assicurazione

L’assicurazione di responsabilità civile è obbligatoria (è valida quella stipulata in Italia). Se intendete noleggiare un’automobile controllate attentamente quali siano le vostre responsabilità in caso di sinistro. Verificate se esiste e a quanto ammonta l’eventuale copertura da parte della vostra carta di credito o assicurazione privata. Piuttosto che rischiare di dover pagare migliaia di euro di risarcimento in caso di sinistro, con una cifra giornaliera supplementare all’agenzia di autonoleggio potrete stipulare una ‘polizza di riduzione assicurativa’.

In caso di incidente stradale con danni o feriti contattate immediatamente la polizia. Se volete ottenere un risarcimento da parte dell’assicurazione è essenziale che vi facciate rilasciare un verbale dalla polizia.

Associazioni automobilistiche

Nella Repubblica Ceca ci sono due associazioni automobilistiche:

  • la Ústřední AutoMotoKlub (ÚAMK; 1230; www.uamk.cz);
  • la Autoklub Bohemia Assistance (ABA; 1240; www.aba.cz, in ceco).

Entrambe mettono a disposizione interpreti che parlano inglese.

Carburante

La benzina (benzín) si trova facilmente (quella senza piombo è a 95 ottani, mentre la super è a 98 ottani). Anche il gasolio (nafta) è reperibile in molte stazioni di servizio. Il GPL (autoplyn) è in vendita nelle città principali, ma soltanto presso un numero limitato di distributori e raramente alle stazioni di servizio.

Noleggio

Per noleggiare un’automobile normalmente è necessario aver compiuto 21 anni, talvolta addirittura 25. A Praga ci sono numerose agenzie di autonoleggio locali e internazionali con sede in aeroporto e in città. Le compagnie internazionali più note, quali Europcar (www.europcar.com), Sixt (www.sixt.com), Hertz (www.hertz.com) e Avis (www.avis.com), sono ben rappresentate all’aeroporto.

Norme di circolazione

Sono praticamente le stesse vigenti nel resto dell’Europa continentale: la guida è a destra, è obbligatorio allacciare le cinture di sicurezza, i minori di 12 anni devono sedere sul sedile posteriore, quando si è alla guida i telefoni cellulari si possono usare solo con auricolare o dispositivo di viva voce e i pedoni hanno diritto di precedenza sulle strisce pedonali (anche se questa regola raramente viene rispettata). I veicoli devono tenere i fari accesi 24 ore su 24.
Non mettetevi alla guida se avete bevuto anche solo un sorso di una bevanda alcolica in quanto la normativa in materia prevede ‘tolleranza zero’: vengono spesso effettuati controlli con etilometro e le pene sono severe (fino a un anno di reclusione). L’età legale per poter guidare è 18 anni.

Il limite massimo di velocità in vigore nei centri urbani è di 50 km/h. Sulle strade principali il limite è di 90 km/h e sulle autostrade è attestato sui 130 km/h in entrambi i paesi. Il limite di velocità ufficiale in corrispondenza dei numerosi passaggi a livello è di 30 km/h, ma è sempre meglio fermarsi e guardare attentamente in ogni direzione prima di attraversare, dal momento che molti passaggi a livello trafficati non hanno le sbarre e alcuni nemmeno le luci di segnalazione.

Le multe per eccesso di velocità e per altre infrazioni sono comprese tra 500Kč/€60e 5000Kč/€150 e vanno pagate sul posto. La polizia ora è quasi sempre dotata di macchine fotografiche sul cruscotto, che non hanno affatto eliminato la componente arbitraria nella definizione della cifra da pagare (e la possibilità di contrattare).

Fate particolare attenzione ai tram: conviene sempre dare la precedenza in qualsiasi situazione e in caso di incidente la responsabilità verrà comunque attribuita a voi.

Parcheggio

In quasi tutti i quartieri centrali di Praga si trovano zone per il parcheggio delimitate, dotate di parcometri e soggette alle stesse norme in vigore nel resto d’Europa. Il pagamento può avvenire anche per mezzo di apposite tessere che si trovano in vendita nelle edicole, nei negozi e negli alberghi.
Nei centri più piccoli vi potrà capitare di pagare direttamente al custode del parcheggio, riconoscibile dal borsello a tracolla. Munitevi di una buona quantità di monete, perché la maggior parte dei parcometri non accetta banconote. Nelle città più grandi trovare un parcheggio in strada è talvolta un’impresa impossibile (molti parcheggiano anche sul marciapiede). In questi casi spesso conviene lasciare l’automobile in albergo o cercare il parcheggio custodito più vicino e utilizzare l’estesa rete dei trasporti pubblici.

Quanto a Praga, negli ultimi anni parcheggiare è diventato ancora più complicato. Oggi il parcheggio è regolato in base alle zone, il che significa che è praticamente impossibile parcheggiare nei distretti di Praga 1 (Staré Město, Malá Strana, Nové Město e Hradčany), Praga 2 (parte di Nové Město, Vyšehrad e Vinohrady), Praga 3 (Žižkov) e Praga 7 (Holešovice e Letná) se non si è residenti. Nelle altre zone della città si può parcheggiare liberamente, ma trovare un posto è un’impresa disperata. Nei distretti in cui il parcheggio è regolamentato, le zone delimitate da linee blu sono riservate esclusivamente ai residenti, mentre i non residenti possono parcheggiare nelle aree a pagamento contraddistinte dalle linee bianche, ma spesso per una durata massima variabile tra due e sei ore.

La situazione è particolarmente difficile nel distretto di Praga 1, dove i parcheggi con le linee blu (riservati ai residenti) sono la stragrande maggioranza. Qualche linea bianca (parcheggio a pagamento) si intravede lungo le vie nei dintorni dell’InterContinental Hotel oppure si può ricorrere ai parcheggi coperti di cui sono dotati alcuni grandi magazzini, come l’InterContinental e il Kotva, anche se con una tariffa oraria di 100Kč la spesa lievita rapidamente. Se, nonostante tutto, siete determinati a raggiungere Praga in auto, cercate di organizzarvi in anticipo tramite l’albergo. Quasi tutti, infatti, offrono qualche possibilità di parcheggio a pagamento (da 200Kč a 300Kč a notte). Un’alternativa più economica è servirsi delle aree ‘Park & Ride’ (P&R) vicino alle stazioni della metropolitana nelle zone periferiche della città. Tra le migliori figurano Skalka (sulla linea A della metropolitana); Zličín, Nové Butovice, Palmovka, Rajská Zahrada, Černý Most (tutte sulla linea B) e Nádraží Holešovice, Ladví e Opatov (sulla linea C).

Le auto in divieto di sosta vengono bloccate con le ganasce o (peggio ancora) rimosse per essere trasportate nei depositi della polizia. In tal caso dovrete mettere in conto un paio di ore perse per gli adempimenti burocratici e una spesa di circa 1500Kc tra multa e costi di rimozione.

Viaggiare con il proprio veicolo

Non esistono particolari problemi per chi desidera viaggiare con il proprio veicolo. Le automobili con targa straniera sono i bersagli preferiti dai ladri (come in tutti i paesi) e bisognerebbe quindi evitare di lasciare oggetti di valore a bordo.
Detto ciò, il numero dei furti d’auto rientra nella media dell’Europa occidentale.

In entrambi i paesi chi è al volante deve avere sempre con sé un documento di identità personale, il libretto di circolazione del veicolo e il tagliando dell’assicurazione.
È accettata l’assicurazione di responsabilità civile stipulata in Italia e non è richiesta la Carta Verde; tuttavia, sebbene non obbligatoria, può rivelarsi utile, dal momento che garantisce una copertura assicurativa più completa per i viaggi all’estero. Se la vettura non è intestata a voi, evitate ogni problema premunendovi di lettera autenticata in cui il proprietario dichiara che siete autorizzati a guidarla.